MENU

Il Negozio

 

foto riscaio

Luogo affascinante per i mille colori e i tanti odori sprigionati dai prodotti che vi si vendono – paprica, cumino, curcuma, pepe rosa, e poi polvere di borace, polvere di bianchetto, cera vergine, pani di pomice e tanti altri – viene aperto da Mario Viganego nel 1930, anche se esisteva già da alcuni decenni.


15919457061_bf473f9459_oIl negozio, che ha il nome di “Coloniali” è stato sempre proprietà dei Viganego: dopo il signor Mario il figlio Corrado con la moglie Marina e oggi la loro figlia Silvia, terza generazione sempre alla ricerca della massima qualità.


Piazza Colombo è uno degli slarghi più belli e suggestivi della città, disegnata da Carlo Barabino nell’ambito delle trasformazioni urbanistico – architettoniche della città nella prima metà dell’Ottocento.


barattolibroLa bottega conserva le vecchie tramezze i solai lignei con travature coperte da canniccio, il pavimento originale ha piastrelle “cementine”in uso all’epoca e al piano superiore già laboratorio o abitazione dei proprietari, serramenti originali, una grande cappa e un antico lavello. Gli arredi sono quasi tutti originali e in legno, la porta, i banconi e le cassettiere per i prodotti sfusi. Tutto all’interno testimonia il modo di vendere di altri tempi, quando si usava solo carta per fare pacchetti e la borsina di plastica era qualche cosa di sconosciuto.

1930

15299179424_8fc696355a_o15921407795_732d4c97b5_o (1)Nella bottega ci sono documenti antichi e oggetti d’epoca tra cui i bellissimi barattoli di latta, decorati, di inizio secolo che vengono ancora usati quotidianamente, una bilancia del 1930, un registratore di casa del 1920 e due insegne con lettere intagliate in legno dei primi del Novecento.

 

 

Log in